Terapia degli attacchi di panico ed agorafobia con biofeedback

Il biofeedback (lett. “retroazione biologica”) è una tecnica di rilassamento particolarmente efficace per la gestione dell’ansia, che insegna a controllare funzioni del nostro corpo da sempre ritenute indipendenti dalla nostra volontà, come la tensione muscolare, il battito cardiaco, la sudorazione, ecc.

Il biofeedback è uno strumento che viene collegato al muscolo della fronte attraverso dei sensori che rilevano lo stato di tensione muscolare, che è direttamente collegato al livello di stress dell’intero organismo. Il segnale captato viene elaborato e trasformato in un segnale acustico (o visivo). In questo modo, il paziente può monitorare “in diretta” il proprio stato di ten sione muscolare ed emotiva, ed imparare rapidamente a rilassarsi, riportando alla normalità le sue funzioni interne.

Il biofeedback rappresenta uno dei punti di forza della moderna terapia psicosomatica ed è della massima utilità (da solo o associato ad altri interventi) nel trattamento dell’ansia, degli attacchi di panico, dello stress e delle sue somatizzazioni.

L’apprendimento del rilassamento attraverso biofeedback risulta più rapido e completo di quello ottenibile con altre tecniche, con precise e signiticative modificazioni del funzionamento dell’organismo.
Studi selezionati dimostrano che il biofeedback è efficace nel 90-95% dei casi.

Il biofeedback presenta, rispetto al trattamento farmacologico, il vantaggio di un coinvolgimento attivo della persona nella propria terapia e rappresenta l’intervento primario nei casi di intolleranza o di inefficacia degli psicofarmaci.